ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
L'intelligenza italiana rilancia la ricerca genetica in agricoltura
15/09/2014

«La verità, vi prego, sulla scienza». È racchiuso in un pugno di parole pronunciate dalla senatrice e scienziata Elena Cattaneo il messaggio lanciato da Mantova alla politica e all’opinione pubblica sul complesso capitolo OGM. Un approccio pragmatico, non chiedono altro i ricercatori e gli imprenditori agricoli presenti al dibattito dal titolo “L’intelligenza italiana rilancia la ricerca genetica in agricoltura”, promosso da Confagricoltura Lombardia e Veneto.

«Noi studiosi abbiamo il dovere di consegnare qualcosa di buono agli altri – ha sottolineato la Cattaneo – Sappiamo fare il nostro mestiere, ma devono permettercelo. Siamo i primi a porci delle domande, ma per trovare risposte abbiamo bisogno di raccogliere idee, proposte e considerazioni di imprenditori, agricoltori, professionisti. Di quanti, come noi, hanno un estremo bisogno di verità. Continuare a osteggiare la ricerca – conclude – non è forse come badare solo a quel 2% di italiani che veste in cashmere senza pensare a quel 98% che non ha neppure la lana? E poi basta generalizzare, per ora in Europa si coltiva solo una varietà: il mais Mon 810. Dovremmo iniziare a parlare di un Ogm per volta». Un intervento applauditissimo, il suo, da quanti continuano a pagare le spese di un paradosso tutto italiano. «Perché – come evidenziato dal presidente di Confagricoltura Mantova e Lombardia, Matteo Lasagna – gli organismi geneticamente migliorati sono entrati ormai da tempo nelle diete dei nostri allevamenti e abbiamo il sacrosanto diritto di poterli coltivare nel rispetto di una libertà di scelta che dev’essere garantita».

In Italia – lo ricordiamo – è vietato coltivare OGM, ma ne importiamo in grandi quantità perché la produzione interna non è sufficiente. La maggior parte della carne (dai manzi ai conigli, dai polli ai maiali), del latte, dei salumi, formaggi, latticini, yogurt e così via che troviamo in Italia hanno nella loro filiera produttiva mais e/o soia biotech. Però coltivati all’estero. E a dare un’idea di quanto costa a un agricoltore italiano il divieto di coltivare Ogm è il presidente di Confagricoltura Veneto, Lorenzo Nicoli: «I più ottimisti dicono che perdiamo 400 euro per ettaro. E 100mila litri di insetticidi, pari a 45 milioni di euro. Insomma, più Ogm vuol dire meno chimica». Dello stesso avviso Roberto Defez, primo ricercatore dell’Istituto di genetica e biofisica del CNR a Napoli, che ha sottolineato la necessità di una «enorme alleanza tra agricoltura e ricerca» sull’argomento. Mentre Dario Bressanini, chimico, divulgatore scientifico e insegnante con cesto di mele a seguito, ha ricordato come l’agricoltura moderna faccia largo uso di sostanze chimiche per proteggere i prodotti da infestanti e parassiti. Ma forse non tutti lo sanno.

Fra gli ospiti della giornata anche il presidente nazionale di Confagricoltura, Mario Guidi, che ha chiuso i lavori con un appello alla politica: «affinché apra alla ricerca a fatti e non a parole». In collegamento Paolo De Castro, presidente del gruppo Spd nella Commissione Agricoltura del Parlamento europeo e già ministro delle Politiche agricole, e Lara Comi, membro della Commissione per il mercato interno e la protezione dei consumatori. Tutti d’accordo sul fatto che l’ultima parola spetti alla scienza.

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12809044 credits