ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
Direttiva Nitrati: preoccupazione per la discussione in atto
19/09/2014

Forte preoccupazione di Confagricoltura Lombardia per le notizie che arrivano dal Gruppo Tecnico che presso il MIPAAF sta lavorando alla definizione del decreto ministeriale inerente l’utilizzazione agronomica degli effluenti nell’ambito dell’applicazione della Direttiva Nitrati.

Dopo i segnali incoraggianti emersi nella riunione dello scorso 5 agosto, dalle informazioni circolate negli ultimi giorni pare che le richieste avanzate dal mondo agricolo rischino di essere disattese.

In particolare, Confagricoltura Lombardia vuole richiamare l’attenzione sulla necessità di rivedere le attuali modalità che regolano gli spandimenti invernali, attraverso l’introduzione che consenta – senza appesantimenti burocratici – l’apertura di finestre utili allo spandimento in funzione dell’andamento meteorologico.

La nostra Organizzazione sostiene inoltre l’opportunità di un innalzamento del limite di 340 kg/ettaro di azoto in funzione delle singole realtà aziendali e della possibile presenza di doppie colture, nonché una totale revisione della classificazione delle aree vulnerabili.

Fondamentale anche il riconoscimento del digestato di origine zootecnica come fertilizzante ed ammendante e la rimozione di ogni vincolo riguardo le colture dedicate in ingresso agli impianti per la produzione di biogas.

Sono questi, unitamente ad una sistematica semplificazione delle procedure amministrative e burocratiche, i passaggi che lo Stato italiano deve compiere per consentire un’applicazione adeguata della Direttiva Nitrati che sappia coniugare i fondamentali principi del rispetto dell’ambiente con le esigenze operative delle aziende agricole.

Determinante che l’applicazione di tali norme non pregiudichi la capacità produttiva degli allevamenti e, con essa, la sostenibilità economica della loro attività, presupposto indispensabile per la loro stessa sopravvivenza e per il futuro del nostro comparto zootecnico, da sempre forza trainante del sistema agroalimentare lombardo.

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12248617 credits