ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
Confagricoltura Lombardia alla presentazione del nuovo Piano Veterinario regionale
16/12/2014

Confagricoltura Lombardia interviene alla presentazione del Piano Regionale Integrato della Sanità Pubblica Veterinaria per il periodo 2015 - 2018.

L’impostazione data al Piano che prevede - oltre agli obiettivi vincolanti derivanti dalle norme comunitarie e nazionali - una serie di obiettivi strategici tra i quali sono incluse azioni per un adeguato supporto alla attività di export appare sicuramente condivisibile, soprattutto nell’attuale contesto economico caratterizzato dalla contrazione dei consumi interni, così come l'introduzione del principio della gradualità dei controlli sulla base di fattori di rischio aziendali.

Fondamentale, rispetto a quest’ultimo aspetto, una attenta e corretta taratura dei fattori di rischio per evitare che il controllo si concentri unicamente su allevamenti con determinati parametri dimensionali, trascurandone completamente altri.

Il nuovo Piano conferma come la nostra Regione sia sicuramente una delle più avanzate in tema di controlli sanitari sulle attività di allevamento, offrendo così le più ampie garanzie possibili al sistema della trasformazione alimentare e ai consumatori.

Una circostanza che non sempre si verifica riguardo i prodotti agroalimentari di provenienza straniera ed in particolare per quelli di origine extraeuropea, creando così non solo una situazione di minor sicurezza per i cittadini, ma anche condizioni penalizzanti per le nostre imprese nel confronto con i competitori stranieri.

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12800070 credits