ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
OGM e biotecnologie: un'opportunità per il futuro dell'agricoltura
26/02/2015

Incontro a Milano presso il Circolo De Amicis dedicato al tema degli OGM nella serata di ieri, mercoledì25 febbraio, con la partecipazione di Antonio Boselli, membro della Giunta nazionale e delegato ufficiale di Confagricoltura per l’Expo 2015.


Un’occasione molto apprezzata dalla nostra Organizzazione per affrontare, a pochi mesi dall’avvio dell’Expo, una tematica di primaria importanza per il futuro dell’agricoltura mondiale, che auspichiamo possa essere al centro della discussione anche durante la grande manifestazione internazionale che si svolgerà a Milano.


Una serata caratterizzata dall’intervento della professoressa Chiara Tonelli, docente di Genetica e pro Rettore dell’Università degli Studi di Milano, che ha sintetizzato in maniera efficace gli aspetti scientifici della questione, sottolineando le opportunità che gli organismi geneticamente modificati offrono anche ai piccoli agricoltori e l’assoluta mancanza di rischi per la salute umana e per l’ambiente legata al loro utilizzo.


Una risorsa importante, anche se certamente non risolutiva, di fronte alla grande sfida che attende il mondo agricolo nel prossimo futuro, chiamato a far fronte alla progressiva crescita della popolazione mondiale e all’aumento esponenziale del fabbisogno di prodotti alimentari che ne consegue.


Da stigmatizzare invece l’atteggiamento aggressivo e, a tratti, denigratorio nei confronti degli altri partecipanti al dibattito e più generale di chi utilizza OGM tenuto nel corso della serata dal presidente della Fondazione Diritti Genetici, Mario Capanna, le cui tesi non sono apparse suffragate da argomentazioni convincenti da un punto di vista scientifico.


Antonio Boselli, nell’occasione, ha ribadito la convinzione più volte espressa da Confagricoltura della necessità di affidarsi alla ricerca e all’innovazione con l’obiettivo di garantire la possibilità di una pratica agricola sostenibile da punto di vista ambientale, economico e sociale.


Un ricorso responsabile e consapevole alle biotecnologie – e non esclusivamente agli OGM – rappresenta quindi un’opportunità importante a cui il mondo agricolo non può certo rinunciare a priori, sulla base di pregiudizi infondati.


Boselli ha poi sottolineato come il problema dell’approvvigionamento alimentare riguardi anche l’Italia in grado di produrre solo il 70 % circa del cibo di cui necessita, anche in considerazione del progressivo calo delle superfici destinate all’attività agricola.

Infine, il delegato all’Expo 2015 di Confagricoltura ha ricordato ai presenti come mais e soprattutto soia OGM siano già utilizzati da oltre un decennio come alimenti nelle nostre filiere zootecniche da cui vengono ricavate le materie prime utili per la produzione dei nostri formaggi e dei nostri salumi DOP: una prassi che, in tutta evidenza, non ha in alcun modo pregiudicato la qualità di questi prodotti di eccellenza dell’agroalimentare italiano, né tantomeno ha creato problemi di sicurezza alimentare per i consumatori.


Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.
C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12800107 credits