ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
Indice prezzo latte: accordo tra Organizzazioni agricole e Cooperazione
28/07/2015

“Siamo profondamente delusi e amareggiati dalla decisione di Assolatte di non sottoscrivere il protocollo d’intesa sul modello di indicizzazione del prezzo del latte nella nostra Regione” afferma il presidente della Federazione regionale Lattiero – Casearia di Confagricoltura Lombardia Luigi Barbieri “Non si trattava di fissare un prezzo, ma di individuare uno strumento condiviso che potesse fungere da riferimento per il mercato, in un’ottica di filiera”.

“Il modello proposto era peraltro frutto del lavoro di un tavolo tecnico istituito presso la Regione a cui Assolatte ha partecipato negli ultimi due mesi: le motivazioni in base alle quali oggi ha rifiutato di sottoscrivere il protocollo avrebbero potuto e dovuto essere espresse in quella sede, allo scopo di individuare eventuali soluzioni alternative” ha proseguito Barbieri.

“Con Confcooperative e le altre Organizzazioni agricole presenti al Tavolo regionale, abbiamo voluto sottoscrivere in ogni caso il protocollo per dare un segnale al mercato in questo momento di difficoltà, anche in vista dell’incontro previsto per dopodomani - giovedì 30 luglio – al MIPAAF”

Ci auguriamo ora che dal ministro Martina arrivino proposte concrete di interventi utili a sostenere il nostro comparto e le aziende che vi operano in risposta all’attuale situazione di particolare gravità” conclude Luigi Barbieri “Altri Governi europei, in primo luogo quello francese, sono intervenuti in maniera incisiva per sostenere i produttori e un mancato intervento da parte del nostro Governo metterebbe gli allevatori italiani in una condizione di grave svantaggio competitivo sui mercati”.

clicca qui per scaricare il comunicato

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12248496 credits