ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
Prosegue il presidio di Confagricoltura Lombardia
10/11/2015

Prosegue anche nella giornata di oggi, martedì 10 novembre, il presidio organizzato da Confagricoltura Lombardia, con il supporto delle Unioni Provinciali Agricoltori della nostra regione presso lo stabilimento Lactalis di Corteolona in provincia di Pavia.

Una manifestazione iniziata nella mattina di ieri alla presenza del ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina e del presidente nazionale di Confagricoltura Mario Guidi, mentre nella tarda mattinata è intervenuto anche l’assessore all’Agricoltura di Regione Lombardia Gianni Fava.

Un presidio promosso dalla nostra Organizzazione per richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica sulla situazione di grave difficoltà della zootecnia italiana da latte, determinata dall’andamento negativo dei mercati e dall’atteggiamento di chiusura dell’industria di trasformazione.

“Le nostre aziende sono allo stremo – afferma il presidente di Confagricoltura Lombardia Matteo Lasagna – ma la loro presenza qui a Corteolona testimonia la loro volontà di non arrendersi. Siamo qui a manifestare non solo per tutelare i legittimi interessi economici dei nostri allevatori, ma anche per salvaguardare un patrimonio di competenza e di professionalità che ha contributo in misura determinante all’affermazione del nostro sistema agroalimentare e dei nostri prodotti di eccellenza e che rischia di andare perso, con un danno per l’intera collettività”.

Il presidio proseguirà anche nella giornata di mercoledì 11 novembre.

clicca qui per scaricare il comunicato stampa

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12248499 credits