ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
Latte: positivo l'esito del Tavolo ministeriale
26/11/2015

“Accogliamo con moderata soddisfazione l’esito del Tavolo Latte tenutosi al MIPAAF, con il raggiungimento di un accordo a sostegno della filiera lattiero – casearia italiana condiviso tra tutti gli attori della filiera stessa” afferma Matteo Lasagna, presidente di Confagricoltura Lombardia.

“All’atto pratico” sottolinea Lasagna “si potrà quindi verificare un apprezzabile innalzamento della remunerazione alla stalla rispetto alla situazione attuale, grazie ad una nuova offerta del gruppo Lactalis che prevede un aumento di 2,1 centesimi di euro al litro rispetto al prezzo corrisposto per il mese di ottobre. A tale incremento, andrà poi ad aggiungersi un altro centesimo di euro al litro che verrà garantito agli allevatori dall’utilizzazione, da parte del MIPAAF, dei fondi straordinari stanziati dall’Unione Europea per far fronte all’attuale emergenza”.

“Diamo inoltre atto a Lactalis” aggiunge il presidente della Federazione nazionale lattiero – caseario di Confagricoltura, Luigi Barbieri “di aver rinunciato al modello di indicizzazione del prezzo del latte proposto negli ultimi mesi e basato sull’andamento del mercato tedesco: un meccanismo che ritenevamo non adeguato alla situazione italiana, data la diversità del contesto di riferimento e la differente destinazione d’uso del latte italiano”.

Altro aspetto sicuramente positivo” conclude Matteo Lasagna “è la sottoscrizione dell’accordo da parte della GDO che si assume così, per la prima volta, degli specifici impegni per promuovere e valorizzare il latte italiano e i suoi derivati all’interno del suo sistema di distribuzione”.

clicca qui per scaricare il comunicato
C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12248550 credits