ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
Agrofarmaci in risicoltura: impiego sostenibile e competitività delle imprese
26/01/2016

Produrre di più e meglio. Questo è quanto viene chiesto oggi all’agricoltura in generale ed alla risicoltura in particolare.

Il quadro normativo di riferimento per l’utilizzo degli agrofarmaci, sempre più indirizzato verso un uso sostenibile a basso impatto sulla salute e sull’ambiente, ha ridotto di circa il 70% i principi attivi disponibili sul mercato, determinando tuttavia anche una forte limitazione dei meccanismi d’azione utili impiegabili per la difesa delle colture e favorendo nel tempo l’insorgenza di resistenze.

In questo scenario, il riso italiano rischia di perdere competitività nei confronti dei prodotti provenienti da Paesi extracomunitari che hanno meno limitazioni nella difesa delle piante, nonché di dover rinunciare al ruolo di market leader tra i Paesi UE sia in termini quantitativi, sia qualitativi.

L’Italia, con i suoi circa 250 mila ettari coltivati a riso rappresenta praticamente la metà della superficie investita (poco meno di 500 mila ettari) e della produzione raccolta (3,2 milioni di tonn) nell’Unione Europea.

Confagricoltura, con il convegno “Agrofarmaci in risicoltura: impiego sostenibile e competitività delle imprese”, che si terrà il 1° febbraio 2016 a Mortara (PV) - storico centro della risicoltura lombarda - ha l’obiettivo proprio di approfondire gli aspetti legati all’uso degli agrofarmaci nella coltivazione del riso dal punto di vista economico e ambientale, per migliorarne la sostenibilità.

Su tali temi, dopo l’introduzione di Fulco Gallarati Scotti, Presidente della Sala di contrattazione della Borsa Merci di Mortara e della Federazione nazionale risicoltori di Confagricoltura, porteranno il loro contributo il prof. Aldo Ferrero dell’Università di Torino, Giuseppe Sarasso agronomo esperto del settore, Beniamino Cavagna della Regione Lombardia e Elena Anselmetti della Regione Piemonte.


Il convegno terminerà con una tavola rotonda in cui interverranno Giovanna Azimonti dell’ICPS (Centro Internazionale per gli Antiparassitari e la Prevenzione Sanitaria, Milano), esperta designata dal ministero dell’Ambiente nella Commissione consultiva per i prodotti fitosanitari; Bruno Caio Faraglia, dirigente del Servizio fitosanitario centrale, produzioni vegetali del Mipaaf; Michele Pisante commissario delegato CREA; i presidenti dell’Ente Risi, Paolo Carrà e dell’Associazione delle industrie risiere (AIRI), Mario Francese; Alberto Ancora, Responsabile Divisione Crop Protection Sud Europa, BASF. La tavola rotonda sarà moderata da Paolo Viana - Direttore RISOITALIANO.EU.

Concluderà il dibattito il presidente nazionale di Confagricoltura Mario Guidi.

clicca qui per scaricare il programma del convegno

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12249611 credits