ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
Prezzo del latte: da Italatte una proposta non soddisfacente
21/03/2016

“Pur comprendendo le difficoltà complessive che caratterizzano il comparto lattiero – caseario in questo momento e le dinamiche dei mercati europei di riferimento, non possiamo ritenerci soddisfatti della proposta formulata da Italatte nei giorni scorsi per il contratto di fornitura del latte per la nuova campagna produttiva” afferma il presidente di Confagricoltura Lombardia Matteo Lasagna.

“Sono diversi, a nostro avviso, gli aspetti critici della proposta, partendo da uno spread rispetto al prezzo base definito in riferimento al mercato UE 28 che corrisponde sostanzialmente al costo del trasporto del prodotto di importazione” prosegue il presidente Lasagna “In questo modo, quindi, non viene riconosciuto nessun valore aggiunto alla nostra produzione in relazione al suo elevato standard qualitativo e al suo possibile utilizzo per produzioni di pregio a marchio DOP”.

“Sempre in relazione alla qualità riteniamo decisamente restrittive e penalizzanti rispetto alla realtà produttiva degli allevamenti lombardi le condizioni previste dalla nuova tabella qualità che accompagna la proposta di Italatte e non riusciamo sinceramente a comprendere le ragioni di modificare i parametri di riferimento sinora adottati, anche alla luce del fatto che un altro marchio importante facente capo al gruppo Lactalis – ovvero Parmalat – manterrà la tabella già in uso da diversi anni”.

Un’ultima forte perplessità riguarda l’esplicito divieto di operare in condizioni di pluralità di acquirente – conclude il presidente di Confagricoltura Lombardia – Una condizione vincolante per quegli allevatori che si trovassero a produrre una quantità di latte superiore a quella definita nel contratto e che sarebbero così obbligati a conferire anche la quota in eccesso a Italatte con una riduzione del prezzo loro corrisposto, senza avere la possibilità di collocarlo presso altri caseifici a condizioni economiche più vantaggiose”.

clicca qui per scaricare il comunicato stampa
C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12249612 credits