ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
Dal Tavolo Latte regionale indicazioni utili per il comparto
24/03/2016

“Accogliamo con interesse l’iniziativa della Regione Lombardia di proporsi come capofila per gli allevatori che operano al di fuori di qualsiasi forma aggregativa e che quindi, in un momento di particolare difficoltà per il settore lattiero - caseario come quello attuale, si trovano in una situazione di particolare debolezza contrattuale nel rapporto con l’industria” afferma il presidente di Confagricoltura Lombardia Matteo Lasagna, a margine dell’incontro del Tavolo Latte convocato dall’assessore regionale all’Agricoltura Gianni Fava nel pomeriggio di ieri, mercoledì 23 marzo, a Mantova.

“Allo stesso modo, riteniamo opportuna e condivisibile la proposta dell’assessore Fava di legare i finanziamenti per l’agroindustria nell’ambito del Programma di Sviluppo Rurale ad un esplicito impegno da parte delle industrie di trasformazione che faranno domanda di contributo ad un maggiore utilizzo di latte munto nelle stalle italiane” prosegue il presidente di Confagricoltura Lombardia “Le risorse del PSR, ricordiamo, sono di competenza del mondo agricolo ed è quindi doveroso che, anche quando vengono erogate a soggetti di altra natura, possano generare un beneficio, seppure indiretto, agli agricoltori”.

“Positivo, infine, l’annuncio di una intensificazione dei controlli relativi ai parametri sanitari e qualitativi sul latte di provenienza straniera, in concomitanza con l’avvio del Piano straordinario di controllo sugli allevamenti lombardi” conclude Matteo Lasagna “Non si vogliono certo generare allarmismi o criminalizzare gli allevatori stranieri, ma ritengo sia doveroso in uno scenario sempre più globalizzato un livello di controllo omogeneo su tutto il latte che arriva, anche in forma trasformata, nelle case dei consumatori italiani”.


Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.
C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12249598 credits