ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
Lasagna: "Basta dipingere gli agricoltori come inquinatori dei campi"
30/03/2017

“Esprimiamo il nostro sostegno all’Assessore Regionale all’Agricoltura, Gianni Fava, che è intervenuto ieri sottolineando come i controlli ambientali debbano essere svolti solo da soggetti specializzati e come non sia più possibile far passare gli imprenditori agricoli da inquinatori dei campi”. Lo ha detto il presidente di Confagricoltura Lombardia, Matteo Lasagna, intervenendo sulla polemica di questi giorni tra l’assessore Fava e il consigliere delegato alla polizia provinciale della Provincia di Brescia, Diego Peli.

“Studi recenti – ha continuato Lasagna – hanno dimostrato come il settore primario sia solo una delle cause dell’inquinamento da nitrati e neppure la più incisiva: in molte realtà mancano i depuratori civili, mentre in altre pesano decisamente gli insediamenti industriali. Dalle parole del consigliere Peli, invece, emerge un quadro in cui l’agricoltura è la responsabile dell’inquinamento e la Regione non fa nulla per sostenere la battaglia della Provincia contro chi inquina: ha quindi fatto molto bene Fava a replicare al consigliere bresciano, perché la realtà è ben diversa. È infatti corretto – ha concluso Lasagna – sanzionare chi commette dei reati, ma non è tollerabile rendere la vita impossibile a tanti imprenditori agricoli che cercano di fare ogni giorno il proprio lavoro”.

clicca qui per scaricare il comunicato stampa

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 11559511 credits