ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
Nitrati: raggiunto dalla Conferenza Stato-Regioni un accordo finalizzato a dirimere le criticità della Direttiva
09/05/2011

 

Nella giornata dello scorso 5 maggio la Conferenza Stato-Regioni ha raggiunto un accordo finalizzato ad aggiornare la delimitazione delle zone vulnerabili e a migliorare le condizioni di applicabilità dei programmi di azione regionali previsti dalla Direttiva Nitrati.
 
Secondo quanto stabilito dalla Conferenza, entro il 31 dicembre 2011 i Ministeri dell’Agricoltura e dell’Ambiente procederanno a realizzare uno studio sulla tematica della Direttiva Nitrati, comprensivo dell’analisi dell’origine dei carichi inquinanti, della valutazione dell’impatto della Direttiva sulle attività agricole, della definizione di misure di sostegno per le aziende e di una rettifica delle procedure amministrative di controllo.
 
Confagricoltura Lombardia accoglie positivamente l’iniziativa scaturita dalla Conferenza, evidenziando come essa costituisca finalmente una presa di posizione di livello politico finalizzata a mettere in discussione alle basi l’impianto della Direttiva Nitrati, risalente addirittura al 1991, e dei sui recepimenti nazionali e regionali.
 
Confagricoltura Lombardia condivide pienamente, inoltre, l’esigenza di applicare in tutte le future scelte un approccio integrato di valutazione della qualità delle acque e dell’origine dei carichi inquinanti, che dovrà portare, contrariamente a quanto accaduto sino ad ora, all’adozione di scelte che dovranno essere necessariamente proporzionate allo specifico contesto sociale, tecnico ed economico dell’agricoltura praticata nel bacino padano-veneto.
 

 

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12755487 credits