ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
Rinnovabili, l’agricoltura lombarda con i suoi impianti di biogas è già pronta a fare la sua parte
15/06/2011

 

La politica energetica dell’Italia, anche a seguito dei chiarissimi risultati del recente referendum che ha bloccato l’avvio dello sviluppo del nucleare, dovrà ora puntare ulteriormente sulle fonti rinnovabili; in tale contesto l’agricoltura lombarda è già pronta a fornire il proprio contributo con i suoi 117 impianti di biogas già in funzione ed altri 198 in attesa di entrare in esercizio o di completare l’iter autorizzativo.
 
In un quadro di profonda incertezza legata alla globalizzazione dei mercati, alle forti ed imprevedibili oscillazioni dei prezzi e al generale aumento dei costi di produzione, una parte consistente di imprenditori agricoli della Lombardia ha infatti visto nel campo innovativo delle agroenergie un'importante diversificazione della propria attività.
 
Integrazione, complementarietà, attività connessa e proporzionata alla produzione aziendale tradizionale e non alternativa alla stessa: questi sono infatti i presupposti fondamentali sui quali si basa la posizione favorevole alle agroenergie di Confagricoltura Lombardia, senza dimenticare come per le aziende zootecniche esse possano rappresentare, oltre che un’integrazione del reddito, anche una possibilità di migliore gestione dei reflui di allevamento.
 
Per dare definitivo avvio a un deciso sviluppo del settore, secondo Confagricoltura Lombardia, occorre ora che i decreti attuativi relativi al futuro sistema incentivante vengano al più presto emanati, tenendo conto della necessità di aumentare l'efficienza dei processi produttivi e di promuovere l'uso dei sottoprodotti agricoli e degli effluenti di allevamento, nonché evitando interpretazioni restrittive e disomogenee della normativa ambientale e controproducenti conflittualità tra produzione tradizionale ed energetica.
 
 
  

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12207828 credits