ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
“I prezzi delle commodity agricole come barometro della recessione”
15/09/2011

 

Sarà l’andamento dei prezzi delle commodity agricole il barometro della crisi finanziaria che sta scuotendo da inizio estate le Borse mondiali. A dirlo è Confagricoltura Lombardia, sull’analisi del rapporto pubblicato lunedì scorso da Agritel, la società francese di consulenza specializzata nella gestione del rischio nel settore agricolo e agroalimentare.
 
Le materie prime agricole, ad agosto, sono state viste come un rifugio sicuro dagli operatori finanziari, infatti mentre nel mese l’indice CAC della Borsa di Parigi ha perso oltre l’11%, i prezzi delle commodity come soia, mais e grano sono cresciuti di oltre il 10%. Pur tenendo conto delle variabili climatiche negative i rialzi sono stati evidentemente rinforzati dallo spostamento di capitali dal mercato finanziario.
 
Secondo il rapporto Agritel se questo fenomeno proseguirà la crisi, seppur pesante, potrà comunque essere archiviata in tempi fisiologici.
Se, al contrario, si dovesse determinare un concomitante ribasso dei prezzi delle materie prime agricole e dei mercati azionari o obbligazionari sarebbe un allarmante segnale di ingresso in una crisi prolungata, destinata a sfociare nella recessione.
 
I movimenti finanziari sulle materie prime agricole sono monitorati dai dati del CFTC (Commodities Futures Trade Commission), da cui risulta che in agosto gli acquisti sono aumentati del 35% per il mais e del 300% per la soia.
 
Nella valutazione di Confagricoltura Lombardia, l’analisi di Agritel rappresenta quindi l’ennesima dimostrazione del ruolo strategico che il settore agricolo riveste nel contesto economico generale e la conferma del fatto , già in evidenza da alcuni anni, che le commodity di origine agricola siano diventate un mercato di grande importanza per gli operatori finanziari.
 
Per questo motivo, Confagricoltura Lombardia ritiene sia fondamentale, anche in relazione alla discussione sulla riforma della PAC, un forte sostegno al comparto agricolo e l’adozione di adeguati strumenti normativi che tutelino i produttori dalla volatilità dei prezzi e dai fenomeni speculativi che potrebbero derivare da una simile situazione.
 

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12808808 credits