ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
ā€œImpossibile per gli agricoltori rispettare il termine per le variazioni catastali dei fabbricati ruraliā€
04/10/2011

 

“Anche nella nostra Regione migliaia di agricoltori non hanno potuto rispettare il termine del 30 settembre per la presentazione delle domande di variazione delle categorie catastali dei fabbricati rurali, perché non sono stati messi nelle condizioni di adempiere alle disposizioni di legge": lo sottolinea Confagricoltura Lombardia, denunciando le conseguenze della mancata proroga del termine ultimo, fissato al 30 settembre.
 
Nei giorni scorsi la nostra Organizzazione aveva sollecitato più volte il governo di prorogare il termine ultimo, considerato l’esiguo tempo a disposizione concesso agli agricoltori: “La nostra richiesta urgente non è stata presa in considerazione e così la gran parte degli agricoltori non ha potuto assolvere ad un preciso obbligo di legge.
 
Confagricoltura Lombardia ricorda che la pubblicazione del decreto ministeriale attuativo – corredata da una complessa ed inadeguata modulistica - è infatti avvenuta solo il 22 settembre, in evidente violazione delle procedure di garanzia fissate dallo Statuto del contribuente che prevedono un intervallo temporale di 60 giorni prima dell’applicazione dei provvedimenti attuativi dalla legislazione tributaria.
 
L’unico risultato della mancata proroga è quella di creare le condizioni per un contenzioso con la Pubblica Amministrazione, di nessuna utilità per lo Stato e che aggraverà ulteriormente il già pesante carico burocratico che opprime le imprese.
 
La nostra Organizzazione si impegna quindi sin d’ora ad assistere gli agricoltori che subiranno un danno da questa circostanza, anche promuovendo eventuali azioni collettive (class action) per contrastare ingiustificate richieste di pagamento da parte delle Amministrazioni competenti.
 
 

 

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12755445 credits