ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
Il presidente Guidi al Forum Agroalimentare di Cremona
15/11/2011

 

“Qualcuno dirà che non sono tempi in cui si può fare programmazione, niente di più sbagliato. Al governo che verrà chiediamo che si impegni, con saldezza d’animo e temperamento, a guardare al di là dell’immediato. Dal guado si esce con le leve della stabilità e della progettualità”. Lo ha detto il presidente di Confagricoltura Mario Guidi intervenendo al primo Forum agroalimentare, promosso dal ministro per le Politiche agricole Romano a Cremona.
 
“L’appuntamento del Forum agroalimentare è giunto in un momento particolare per la vita delle Istituzioni e dell’economia – ha posto in evidenza nel suo intervento il presidente di Confagricoltura – si è comunque rivelata un’occasione importante per fare il punto sul comparto e sulla filiera, raccogliendo utili indicazioni che potranno servire per realizzare i progetti di stabilità e crescita dell’economia che dovrà concretizzare il  nuovo governo e che non potranno assolutamente prescindere dall’agricoltura”.
 
“In questo momento così critico il rischio più grosso è l’assenza di un ‘governo dell’economia’ che non ha i tempi della politica, che richiede elementi di certezza subito e non accetta rinvii – ha proseguito Guidi -. L’economia tutta ha bisogno di uno start up al nastro di ripartenza. Dobbiamo puntare sul made in Italy, fronteggiando la volatilità dei prezzi, le difficoltà strutturali e burocratiche che impediscono la competitività. La forza del Paese risiede nel suo tessuto produttivo, in un solido e affidabile ganglio di imprese in tutti i settori, agricoltura compresa, che chiedono solo di lavorare”.
 
“Le imprese agricole sono pronte a fare la loro parte ma devono essere messe nelle condizioni di farlo – ha poi ammonito Mario Guidi – Anche a questo Forum si è ribadita la necessità di un riequilibrio della filiera, rafforzando il peso del settore agricolo, costruendo momenti aggregativi dell’offerta per gestire il prodotto e non svenderlo. E’ emersa la necessità di intervenire una volta per tutte sulla semplificazione e di favorire la competizione sul mercato nazionale e globale”.
 
Il presidente Guidi ha concluso con una serie di proposte che servono nell’immediato, per favorire la stabilità: “La leva fiscale, gli incentivi, il credito d’imposta, gli interventi per favorire l’occupazione agricola, uno Stato burocraticamente meno invadente e assillante, possono dare respiro in questo momento di stagnazione”.
 
 
Per maggiori informazioni sul Forum Agroalimentare è possibile visitare il sito del Ministero delle Politiche Agricole, al seguente link:
 

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.

 

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12809072 credits