ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
“Il futuro dell'Europa si costruisce con innovazione e investimenti"
18/11/2011

 

“I cittadini dell’Unione europea voglio un’agricoltura forte che assicuri alla Comunità autoapprovvigionamento di cibo e sicurezza alimentare, qualità e salubrità, greening ed ambiente. Siamo ancora in tempo per modulare la proposta di riforma della politica agricola comune”. Lo ha detto il presidente di Confagricoltura Mario Guidi al il Commissario europeo all’Agricoltura Dacian Ciolos, accogliendolo a  Palazzo Della Valle.
Il presidente di Confagricoltura ha ribadito al Commissario la richiesta che venga assicurata all’Italia un’invarianza di bilancio in termini reali. “Un taglio di circa 287 milioni di euro l’anno dei fondi per la Pac – ha detto - impoverisce l’agricoltura italiana e ne penalizza lo sviluppo. Abbiamo bisogno che le imprese agricole abbiano reddito e risorse per ammodernarsi. Il futuro dell’Europa si costruisce con innovazione e investimenti”.
Mario Guidi  ha quindi evidenziato come la proposta di riforma della Commissione,  oltre la riduzione dei fondi, preveda meccanismi di spesa più complessi che non incentivano la produzione. “Bisogna favorire – ha aggiunto -  la crescita dimensionale dell’agricoltura italiana; solo le imprese forti riescono a far fronte alle crisi di mercato, alla volatilità dei prezzi, alla competizione sui mercati globali”.
Tra le richieste di Confagricoltura anche quella che le somme non utilizzate a titolo di pagamenti diretti restino a disposizione degli Stati membri anche per finanziare misure integrative per la stabilizzazione del mercato.
Il presidente Guidi infine ha ringraziato il Commissario Dacian Ciolos per la disponibilità al dialogo sulla proposta di riforma e per l’attenzione riservata al nostro Paese ed alla sua agricoltura. “Lei commissario ritiene impensabile che si possa definire un nuovo modello normativo europeo senza il pieno accordo dell’Italia. Ha perfettamente ragione; abbiamo un settore leader che va rafforzato e reso competitivo”.
 

 

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12207848 credits