ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
A rischio gli interventi per il rilancio della suinicoltura previsti nel piano del MIPAAF
06/12/2011

 

Gli allevatori suinicoli di Confagricoltura esprimono la loro viva preoccupazione per i possibili tagli derivanti dalla manovra in discussione. Il rischio potrebbe riguardare gli interventi di rilancio della suinicoltura nazionale previsti nel Piano del Mipaaf.
 
E’ indispensabile garantire la ripresa di una filiera da tutti riconosciuta di altissimo livello, sottolinea Confagricoltura, che ha permesso di raggiungere e mantenere un’importante quota sul mercato europeo e su quello internazionale, come testimonia la crescita costante dell’export (il valore delle esportazioni secondo i dati Istat è stato nel 2010 di circa 1.113 milioni di Euro, +12,5% rispetto al 2009).
 
Si chiede quindi un impegno del ministro Catania affinché confermi ed ampli la dotazione finanziaria prevista dal Piano. Questo servirà a promuovere azioni che da tempo Confagricoltura sollecita: sostegno al credito, valorizzazione e riqualificazione del suino pesante attraverso il sistema SQN, consolidamento di una diversificazione produttiva, ma anche sviluppo e implementazione delle organizzazioni di prodotto e dell’Interprofessione.
 
Servono contemporaneamente interventi per la soluzione di alcune questioni sanitario-veterinarie e, sottolinea Confagricoltura, il rapido avvio della Commissione Unica suinetti, per dare finalmente maggiore capacità contrattuale sia ai produttori sia agli acquirenti dei geneticamente pregiati lattonzoli nazionali.
 
Ciò anche per salvaguardare il lavoro dei 69.500 addetti e professionisti impiegati nella filiera suinicola nazionale.
 
Posti di lavoro nella filiera suinicola
 

Addetti alla trasformazione
34.000
Addetti agricoli
(5400 allevamenti)
12.000
Veterinari
5.500
Addetti Mangimifici
18.000

 

 

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12755491 credits