ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
Pacchetto latte: "maggiore programmazione nelle produzioni DOP"
16/02/2012

 

L’approvazione da parte del Parlamento europeo del “pacchetto latte”, che contiene le nuove norme che regoleranno il settore, a livello europeo, soprattutto per quanto riguarda la programmazione delle produzioni Dop, è un provvedimento che gli imprenditori di Confagricoltura hanno vivamente atteso.  
 
Con questa decisione, a cui ha contribuito in maniera importante l’operato del presidente della commissione Agricoltura Paolo De Castro, l’Europarlamento ha inviato un segnale di responsabilità alle Istituzioni dei Paesi membri, che dovranno salvaguardare l’equilibrio nella contrattazione all’interno della filiera, tutelando i produttori, in quanto anello più debole.
 
“La programmazione delle produzioni delle Dop - sottolinea Confagricoltura - dà fiducia ai nostri allevatori, che chiedono il mantenimento del sistema delle quote latte, per evitare che la liberalizzazione possa innescare un meccanismo di corsa alla produzione delle nazioni confinanti da cui grandi quantitativi di latte, a prezzi fortemente concorrenziali, già si riversano nel nostro Paese”.
 
Alla luce dei nuovi scenari di mercato che si apriranno con la fine del sistema delle quote e vista la possibilità che la nuova normativa dà ai singoli Paesi della Ue di introdurre o meno l’obbligatorietà dei contratti, Confagricoltura auspica che le nostre Istituzioni confermino la scelta intrapresa del rispetto dei contratti scritti ed auspica che anche gli altri Paesi facciano altrettanto, per evitare una situazione di disuguaglianza, che potrebbe interferire sugli equilibri del mercato europeo, con gravi danni alle nostre produzioni.
 

 

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12219205 credits