ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
Pomodoro da industria: delude il comportamento delle OP
09/03/2012

 

I produttori del pomodoro da industria sono in fermento: gli argomenti del malcontento ci sono tutti e sono tutti insieme. Il prezzo è sceso del 10% e non si è trovato un accordo decente sulle superfici, sui tempi di pagamento e sul riconoscimento economico della tabella qualitativa.
 
La campagna del pomodoro da industria quest’anno è cominciata malissimo ed è proseguita come peggio non avrebbe potuto”: è il duro, ma estremamente realistico, commento di Biancamaria Balestreri, presidente della sezione del pomodoro da industria di Confagricoltura Lombardia e vice presidente nazionale dello stesso settore.
 
Il fatto che l’industria di trasformazione cerchi di lucrare sul prodotto conferito non rappresenta certo una novità - afferma Biancamaria Balestreri - l’industria ci ha abituati da tempo al fatto che cerchi di sfruttare ogni occasione a suo vantaggio. Ma quello che non è tollerabile è il comportamento delle Organizzazioni di prodotto che, anziché difendere e tutelare gli interessi dei loro associati, si sono piegate supinamente alla volontà della controparte industriale
 
“Le OP firmatarie dell’accordo hanno ceduto su ogni fronte: superfici e produzioni, prezzo, qualità e tempi di pagamento. Una Caporetto completa. I produttori si domandano come chi li rappresenta abbia potuto condurre e concludere una trattativa in modo così pesantemente negativa per i produttori”
 
“Inoltre ci domandiamo – conclude Biancamaria Balestreri - se l’organizzazione di rappresentanza agricola cui appartengono i vertici delle OP firmatarie dell’accordo si rendano conto dell’enorme danno che si sta causando ai produttori agricoli professionali di pomodoro da industria”.
 

 

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12747155 credits