ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
Inflazione: “nel carrello della spesa solo la frutta è a buon mercato”
02/05/2012

“Mentre i prezzi al consumo nel loro complesso restano al livello record del 3,3% ad aprile 2012 su aprile 2011, quelli della verdura aumentano solo dello 0,2% a aprile 2012 su aprile 2011 (con una diminuzione di ben il 4,7% ad aprile rispetto a marzo)”. Lo sottolinea Confagricoltura sulla base dei dati Istat provvisori dell’inflazione ad aprile. 

Nel loro complesso i prodotti alimentari a livello tendenziale, sono aumentati del 2,4%, ma quelli non lavorati dell’1,3%.
 
Nel "carrello della spesa" (cioè l’insieme dei prodotti acquistati con maggiore frequenza nell'ultimo mese, che registra + 4,7%) restano a buon mercato - osserva Confagricoltura - la frutta (-3% in termini tendenziali), la verdura (+0,2% su base annua ma con un calo congiunturale del 4,7%) e gli altri prodotti agricoli. Tra gli incrementi congiunturali degli alimentari allo stato fresco c’è stato quello delle carni ovicaprine (+1,7%) anche perché nel periodo pasquale c’era una maggiore richiesta; finita la festa però restano tutte le criticità del comparto.
 
Conclude Confagricoltura: “L’agricoltura continua a dare un contributo al contenimento dell’inflazione, anche se i produttori vedano aumentare notevolmente i costi aziendali, in primo luogo quelli del gasolio (+20,5% su base annua), e non riescano a far quadrare i conti”.
 

 

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12202872 credits