ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
Confagricoltura su Inflazione
01/08/2012

 
“La battuta d’arresto dell’inflazione a luglio (3% su base annua, contro il 3,3% di giugno) è un fatto certamente positivo, ma non si può dimenticare come tra il tasso di crescita dei prezzi al consumo in Italia sia comunque superiore di oltre mezzo punto percentuale a quello medio dell’Eurozona (2,4% a luglio su base annua). Se poi si aggiunge che la frenata dei prezzi è causato, almeno in parte, dal rallentamento dei consumi alimentari e che il prezzo della frutta fresca è sceso addirittura dell’8,8% a luglio, il già critico panorama delle aziende agricole non può che diventare ancor più preoccupante”.  Così Confagricoltura commenta i dati Istat dell’inflazione diffusi oggi.
 
 
“Il divario di prezzo tra le quotazioni dei prodotti in campo e quelle sugli scaffali della distribuzione resta forte – osserva Confagricoltura -. Nei passaggi dal produttore al consumatore il prezzo di un chilo di frutta fresca aumenta di quattro-cinque volte – osserva Confagricoltura -. In base alle rilevazioni di ‘SMS Consumatori’ (servizio di monitoraggio promosso dal ministero per le Politiche agricole) un chilo di pesche noci viene venduto dal produttore mediamente a 0,47 centesimi, all’ingrosso a 0,77 centesimi. Sui banchi dei rivenditori e della GDO il 27 luglio il prezzo variava da 1,65 euro (al Sud) a 2,05 (Centro), a 2,30 (Nord)”.
 
 
Questa situazione – nonostante la frenata dell’inflazione a luglio - non fa bene né al produttore agricolo, né al consumatore e, sottolinea Confagricoltura: “Urgono misure per ridistribuire il valore lungo la filiera e dar modo alle aziende del settore primario con maggiore vocazione all’export ed al mercato di sviluppare tutta la loro potenzialità competitiva”. 
 
 
 
Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.
C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12808983 credits