ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
Direttiva Nitrati, positive le novità del Decreto Sviluppo
14/12/2012

 

Confagricoltura Lombardia accoglie con grande soddisfazione e con vivo interesse l’inclusione, nel testo del cosiddetto Decreto Sviluppo convertito a titolo definitivo in legge dello Stato, della disposizione che impegna le amministrazioni regionali ad una revisione delle zone vulnerabili in relazione agli adempimenti della Direttiva Nitrati.
Il provvedimento di legge dispone contestualmente, nelle more di tale revisione e per un periodo non superiore ad un anno, che nelle zone attualmente classificate come “vulnerabili” vengano applicati i vincoli di legge relativi alle zone non vulnerabili.
Una revisione che certamente recepisce le sollecitazioni di Confagricoltura Lombardia, motivate dalla grave preoccupazione per il possibile impatto dell’applicazione della Direttiva Nitrati sul nostro territorio regionale ed in particolare sul nostro comparto zootecnico, leader a livello nazionale.
Proprio per la rilevanza che le nuove disposizioni di legge rivestono per la nostra Regione, Confagricoltura Lombardia esprime la necessità che vengano fornite in tempi adeguati precise indicazioni operative utili a gestire questo passaggio in maniera funzionale ad evitare ulteriori criticità a carico delle aziende, ciò anche in relazione a come la Commissione Europea valuterà questa importante presa di posizione da parte dello Stato italiano.
 
 
Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.
C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12219168 credits