ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
IMU, Confagricoltura: “l’imposta colpisce due volte i beni agricoli"
06/02/2013

 

Il dibattito politico di questi giorni sull'Imu e sulla sua pesante incidenza sui bilanci economici delle imprese agricole confermano il grido di allarme che la Confagricoltura aveva lanciato sin dai primi giorni dell'entrata in vigore della nuova imposta.
 
In attesa della diffusione dei dati ufficiali sul gettito definitivo del tributo, Confagricoltura richiama il Governo sul rispetto degli impegni presi per la restituzione agli agricoltori dell'Imu pagata in più rispetto alle previsioni, previsto in un apposita norma di legge (art. 13, c. 8, del D.L. n. 201/2011) che recita testualmente: "Con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, da emanare entro il 10 dicembre 2012, si provvede, sulla base dell'andamento del gettito.... alla modifica dell'aliquota da applicare ai medesimi fabbricati e ai terreni in modo da garantire che il gettito complessivo non superi per l'anno 2012 l’ammontare previsto dal ministero dell' Economia e delle Finanze rispettivamente per i fabbricati rurali ad uso strumentale e per i terreni".
 
“I fatti dimostrano - conclude Confagricoltura - che va fatta chiarezza sulla stortura di un tributo che colpisce due volte i beni produttivi agricoli, prima come terreni e poi come fabbricati strumentali all'esercizio delle attività agricole e, di conseguenza, chiediamo al nuovo Governo, in primis, l'immediata cancellazione dell'Imu sui fabbricati strumentali”.
 

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12208543 credits