ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
Riforma PAC: “più proteine vegetali per ridurre la dipendenza dall’estero e migliorare l’ambiente”
26/02/2013

 

“Le aperture del Commissario Ciolos ieri al Consiglio dei ministri UE in materia di ‘inverdimento’ della PAC sono interessanti per le possibili conseguenze sul seguito del negoziato del riforma”. É questo il commento di Agrinsieme (il coordinamento di Confagricoltura, Cia, Fedagri-Confcooperative, Agci-Agrital, Legacoop-Agroalimentare) a quanto emerso ieri a Bruxelles tra i ministri agricoli dell'UE a 27.
 
Merita attenzione in particolare l'importanza attribuita al comparto delle produzioni proteiche ed ai riflessi in termini di benefici ambientali che può apportare lo sviluppo di queste produzioni in Europa, compresa la proposta di ‘equivalenza’ in materia di ‘inverdimento’.

“La nostra zootecnia – sottolinea Agrinsieme -
che conta sia in Italia sia in Europa per il 35-40 per cento sul valore della produzione agricola complessiva, ha bisogno di un sufficiente grado di auto approvvigionamento di materie prime proteiche. Invece la coltivazione di proteine vegetali é limitata al 3 per cento circa della superficie e c'è un fabbisogno soddisfatto per l'80 per cento da prodotti importati”.

Coltivare più materie prime vegetali a base di proteine significa quindi minor dipendenza dall'estero, in una fase in cui cresce in maniera esponenziale la domanda dell'Asia e della Cina in particolare, ed anche benefici ambientali per i nostri terreni agricoli.

“É importante - conclude Agrinsieme -
che si discuta di questo tema nell'ambito della riforma. Ed é un modo innovativo di intendere il greening: meno come vincolo e più come opportunità per le nostre imprese e per il nostro ecosistema”.
 

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12202719 credits