ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
Agrinsieme e riforma Pac “verso il 2020”
14/03/2013

 

Soddisfazione di Agrinsieme per l’approvazione da parte del Parlamento europeo dei mandati negoziali sulla riforma della Pac “verso il 2020”.
“Il passaggio odierno – afferma il coordinatore Giuseppe Politi a nome delle organizzazioni di Agrinsieme – consolida le modifiche introdotte con il positivo lavoro della Commissione agricoltura del PE alle proposte della Commissione. Apportando diversi miglioramenti e valorizzando così il ruolo del Parlamento europeo nel processo di codecisione”.
“Ciò consentirà, non appena il Consiglio avrà pronte le sue posizioni, di partire già dall’11 aprile prossimo con il confronto a tre (il cosiddetto “trilogo”), tra Consiglio dei Ministri, Parlamento europeo e Commissione”.
“Da qui a meno di un mese – prosegue il coordinatore di Agrinsieme – entreremo quindi nella fase decisiva del negoziato. Confidiamo che nei prossimi mesi si possano migliorare ulteriormente gli aspetti delle proposte di regolamento ancora non in linea con le esigenze delle imprese agricole; da questo punto di vista garantiamo la nostra piena disponibilità alle istituzioni per lavorare assieme”.
“Certo – ha concluso il coordinatore di Agrinsieme – rimane da sciogliere il nodo delle risorse. Il segnale negativo di Strasburgo sull’accordo politico del Consiglio europeo in materia di prospettive finanziarie 2014-2020 è condivisibile; ma non dobbiamo rischiare che nel riesame del dossier si pregiudichi ulteriormente la spesa agricola europea. Il Consiglio europeo aveva previsto il 7-8 febbraio una riduzione del budget incentrata praticamente solo sulla rubrica agricoltura; un contro senso che non é certo il caso di far diventare un paradosso”.
 

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12747012 credits