ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
Positivo il monito di Mario Draghi
15/04/2013

Le imprese agricole hanno trovato nel corso del 2012 ed in questo scorcio del 2013, al pari delle altre pmi forti difficoltà nell’accesso al credito da parte degli istituti bancari. In pratica le banche fanno meno prestiti, o meglio li concedono a condizioni più rigide, aumentando i tassi o chiedendo più garanzie”. Confagricoltura commenta positivamente il monito lanciato alle banche dal presidente della Bce Mario Draghi.
L’Organizzazione degli imprenditori agricoli ricorda che l’agricoltura copre una quota sul totale degli impieghi creditizi del 4,6% e che in un anno le erogazioni dei finanziamenti oltre al breve termine sono scese di quasi 300 milioni di euro.
“Un dato significativo – evidenzia Confagricoltura - perché riguarda le operazioni di medio e lungo termine, solitamente destinate agli investimenti, che si traduce inevitabilmente in un indebolimento delle struttura finanziaria delle aziende del comparto.”
Da parte degli imprenditori agricoli è necessario migliorare il dialogo con gli istituti creditizi, che devono a loro volta essere messi nelle condizioni di operare in modo efficace.
Su questa linea Confagricoltura sta lavorando, nella considerazione che i maggiori fattori di rischio in agricoltura sono legati non solo all'andamento della domanda interna, ma anche alla disponibilità di risorse, senza le quali non c’è possibilità di sviluppo e di crescita.
 

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12747059 credits