ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
Imu, Agrinsieme: bene ipotesi Saccomanni, ma è indispensabile l’abolizione
14/05/2013

 

La sospensione della rata di giugno dell’Imu non solo per le prime case ma anche per i beni strumentali all’attività produttiva, come terreni e fabbricati rurali, sarebbe un atto di giustizia. Il sistema imprenditoriale, in particolare l’agricoltura, ha pagato già abbastanza per l’introduzione di un’imposta iniqua che ha tassato strumenti di produzione e luoghi di lavoro come fossero patrimoni. Lo afferma Agrinsieme, il coordinamento formato da Cia, Confagricoltura e Alleanza delle Cooperative agroalimentari (che a sua volta ricomprende Agci-Agrital, Fedagri-Confcooperative e Legacoop agroalimentare), in merito all’ipotesi ventilata dal ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni.
 
Per il settore primario l’Imu ha significato un aumento di 130 milioni di euro solo per il gettito dei terreni agricoli -ricorda Agrinsieme-. Ora bisogna cambiare rotta e ricominciare a sostenere le imprese, altrimenti non ci sarà ripresa né economica né occupazionale. In questo senso, la sospensione della prima rata dell’Imu è solo il primo passo. Bisogna che il governo rispetti gli impegni presi - con l’articolo 13, comma 8 del relativo decreto e la “clausola di salvaguardia” - restituendo l’Imu in eccesso pagato dagli agricoltori (come minimo 160 milioni di euro) e, quindi, lavori per la sua totale abolizione, come annunciato dal ministro delle Politiche agricole Nunzia De Girolamo.   
 

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12747105 credits