ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
Olio d'oliva: Agrinsieme, oggi Commissione UE affronti questione oliere per ristoranti
12/07/2013

 

Oggi a Bruxelles il commissario Ue all’Agricoltura Dacian Ciolos ha incontrato la filiera olivicola europea, i rappresentanti dei consumatori e degli operatori del sistema Ho.re.ca. per discutere della decisione della Commissione di bloccare a fine maggio l’approvazione della norma che vieta l’uso di bottiglie senza etichetta e oliere anonime nei ristoranti e in tutti i locali pubblici.
 
 
Agrinsieme, ribadendo la grossa delusione per la decisione della Commissione europea di arrendersi alle pressioni politiche e di ritirare una misura assolutamente necessaria al settore olivicolo, si augura che Ciolos si ravveda e oggi sostenga la posizione espressa da ben 15 Paesi, tra cui i principali produttori di olio d’oliva come Italia e Spagna.
 
 
E’ assurdo infatti che, a causa di sollecitazioni di alcuni Stati membri, in particolare Olanda e Inghilterra, sia stata interrotta l’approvazione da parte della Commissione al nuovo regolamento comunitario per l’olio d’oliva che - ricorda Agrinsieme - prevede non solo la norma che obbliga all’uso di bottiglie con tappo antirabocco nei locali pubblici, ma anche nuove misure che sostengono qualità, origine e trasparenza in etichetta.
 
 
Le modifiche proposte - ribadisce Agrinsieme - sono necessarie al settore per la lotta alle sofisticazioni, la valorizzazione della qualità e il riconoscimento del prodotto e della sua origine in etichetta. Una bottiglia d’olio extravergine su 6 in Italia finisce sui tavoli di trattorie, ristoranti e bar. Ed è necessario quindi chiarirne la provenienza sia per garantire trasparenza ai consumatori che per tutelare i produttori da falsi e “tarocchi” che scippano ogni anno al “made in Italy” agroalimentare 1,1 miliardi di euro.
 
 
Vogliamo che questa volta l’Europa scelga finalmente di dare voce alle richieste dei Paesi produttori del Mediterraneo - conclude Agrinsieme - sostenendo uno dei comparti più importanti dell’agricoltura europea.
 

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12755265 credits