ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
Ogm: "La ricerca scientifica non ha mai fatto male a nessuno"
12/07/2013

“Non si può far parte dell’Europa a singhiozzo. I divieti ed il bavaglio alla scienza probabilmente nascono dalla paura che le ricerche possano dimostrare – come a dire il vero hanno sempre dimostrato – che la coesistenza è possibile”.
 
E’ questo il commento di Confagricoltura sulla mozione parlamentare ed il decreto interministeriale in fase di approvazione che impegnerebbe a chiedere la clausola di salvaguardia per vietare la coltivazione di Ogm in Italia e impedirebbe comunque la ricerca in pieno campo.
 
“Forse si teme che possano rivelare su basi scientifiche, ad esempio, che un ettaro di mais OGM autoprotetto contro la piralide (l’insetto che attacca la pianta e la spiga del mais) contiene alla raccolta meno micotossine, sostanze tossiche per l’uomo e gli animali, prodotte dalle muffe che si sviluppano sulle ferite causate al mais da questo insetto”.
 
“Ci dicano se quei pochi ettari seminati con mais Mon 810
– ha commentato il presidente di Confagricoltura Mario Guidi – su quali basi scientifiche, sarebbero in grado di mettere a rischio l’ambiente, la salute dei consumatori e la biodiversità. E soprattutto non dimentichiamo che la coesistenza tra mais convenzionale, bio e transgenico è possibile, come affermano dal 2006 ventuno società e accademie scientifiche agricole”.
 
“Studiare, sperimentare, conoscere
- ha concluso Guidi -
non ha mai fatto male a nessuno ed è alla base del progresso”.

 

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12747076 credits