ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
Internazionalizzazione, Guidi: "Con 'Destinazione Italia' imboccata la strada giusta"
16/07/2013

“Il progetto ‘Destinazione Italia’ portato avanti attraverso la cabina di regia dell’internazionalizzazione - finalmente allargata alle Organizzazioni di rappresentanza del mondo agricolo – è una grande opportunità per rilanciare il made in Italy, che guarda all’Expo 2015 come ad un trampolino di lancio”. Lo ha detto il presidente di Confagricoltura Mario Guidi, che ha apprezzato le considerazioni espresse dal ministro degli Affari esteri Emma Bonino.
 
“Finora ha imperato un atteggiamento bucolico – ha aggiunto Guidi - La campagna come astrazione, il km 0 e la difesa del brand italiano dalla colonizzazione straniera. Oggi finalmente si intende operare tenendo conto che la campagna è fatta di imprese che devono fare reddito, che danno occupazione, che puntano sull’export e si aggregano per competere attraverso le reti, con progetti su cui si cercano anche investitori stranieri per introdurre innovazioni di processo e di prodotto alla base di progetti concorrenziali. È tutto molto più concreto, aderente alla realtà ed alle prospettive, che vedono Expo 2015 non come un traguardo ma un punto di partenza”.
 
“E’ il momento
– ha concluso il presidente di Confagricoltura - 
 di riconsiderare il ruolo degli investitori stranieri che possono dare  nuove opportunità ai nostri brand e marchi, che favoriscono la loro diffusione sul mercato globale, tutte operazioni in sostanza che si traducono in occupazione, sviluppo, affermazione del made in Italy”.

 

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12202647 credits