ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
“Per la nuova PAC fondamentali le scelte dello Stato italiano"
22/11/2013

 

Mercoledì 20 novembre il Parlamento europeo, riunito in sessione plenaria, ha approvato a larga maggioranza la nuova Politica Agricola Comunitaria.
Un traguardo raggiunto “dopo tre anni di lavoro e dopo un negoziato lungo e faticoso” come ha dichiarato il presidente della Commissione Agricoltura dello stesso Parlamento Europeo Paolo De Castro, che ha sottolineato come il nuovo regime di codecisione adottato a livello comunitario non abbia rappresentato una complicazione dell’iter legislativo, ma, al contrario, un valore aggiunto in termini di democrazia e di capacità di sintesi tra le istanze espresse dai 28 Paesi membri dell’Unione europea.
De Castro ha inoltre assicurato un ulteriore forte impegno del Parlamento europeo e della Commissione Agricoltura nel vigilare sull’attività demandata alla Commissione di stesura dei regolamenti attuativi, affinché venga pienamente rispettato l’accordo politico raggiunto.
“Dobbiamo certamente dare atto all’onorevole De Castro, così come ai relatori dei diversi regolamenti che compongono la nuova PAC, del grande lavoro svolto” - commenta il presidente di Confagricoltura Lombardia Antonio Boselli – “perché è certamente vero che i testi approvati dal Parlamento europeo apportano significativi miglioramenti rispetto alle proposte iniziali della Commissione da cui era partita la discussione”
“Ciò nonostante, la nuova Politica Agricola Comunitaria non ci soddisfa per molti aspetti. Il suo impianto delega però ai singoli Stati membri una serie rilevante di opzioni applicative che saranno fondamentali per determinare il reale impatto della riforma sul comparto agricolo italiano” – prosegue Antonio Boselli – “È quindi necessario che il Governo italiano faccia scelte oculate, partendo dalla necessità di un utilizzo mirato delle risorse disponibili, anche in considerazione della loro netta diminuzione rispetto al precedente periodo di programmazione”

“La nostra Organizzazione, ancora una volta, ribadisce la sua totale disponibilità a collaborare fattivamente con le competenti istituzioni nazionali e regionali, affinché la nuova Politica Agricola Comunitaria trovi nel nostro Paese un’applicazione più rispondente alle reali necessità e alle esigenze delle aziende agricole”  conclude il presidente di Confagricoltura Lombardia.

 

 

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12755301 credits