ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
In Consiglio Regionale si discute di attività venatoria, le valutazioni di Confagricoltura Lombardia
21/02/2014

Si è tenuta mercoledì 19 febbraio, in Consiglio Regionale, l’audizione convocata dalla Commissione Agricoltura per la modifica della legge regionale 26 del 1993 che disciplina l’attività venatoria sul territorio lombardo. Presente anche Confagricoltura Lombardia, che è intervenuta attivamente alla discussione.

 
Dopo la presentazione di emendamenti puntuali sui progetti di legge di modifica della l.r. 26, Confagricoltura ha ribadito i punti cardine che dovrebbero regolare il rapporto tra attività agricola e attività venatoria.
 
In particolare, Confagricoltura ha insistito sulla necessità di contenimento delle specie selvatiche che arrecano danni alle colture e non solo. E in questo senso l’elenco è piuttosto lungo: nutrie, cinghiali, volpi, storni, piccioni abbondano, come del resto hanno dimostrato le cronache di questo inverno. Il che comporta un ingente danno economico derivante non solo (e si fa per dire) dal danneggiamento delle colture ma anche dall’instabilità di manufatti di contenimento dei corsi d’acqua. Questo espone a rischio idrogeologico centinaia di migliaia di persone ogni qualvolta si ripropone un evento meteo relativamente critico.
 
Conseguentemente, sono stati evidenziati i danni provocati alle colture dalle specie selvatiche per i quali risultano fondamentali sia la disponibilità di risorse per l’erogazione degli indennizzi alle aziende agricole sia la tempestività di tale erogazione che deve essere regolata da adempimenti amministrativi di semplice attuazione.
 

Decisamente delicato risulta infine il rapporto cacciatori, territorio e colture in essere  attraversate durante lo svolgimento della attività venatoria. Si tratta prima di tutto  di una questione di educazione civica ma un significativo contributo può arrivare anche da una adeguata attività di controllo e vigilanza.

 

 

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12219087 credits