ACCESSO AREA RISERVATA: username password CERCA NEL SITO
HOME
LA FEDERAZIONE
  Chi siamo
  Dove siamo
  Come siamo organizzati
  Le Federazioni di Prodotto
  I nostri servizi
  Statuto
 
CONTATTACI
LA NOSTRA POSIZIONE
COMUNICATI STAMPA
  Anno 2017
  Anno 2016
  Anno 2015
  Anno 2014
  Anno 2013
  Anno 2012
  Anno 2011
  Anno 2010
 
EVENTI
FOTOGALLERY
VIDEO
ENTI COLLEGATI
  EAPRAL - Formazione
  C.A.A. Federlombarda
  Confagricoltura Donna
  Patronato ENAPA
  Agriturist Lombardia
  Confidi Systema!
  LegalMedia - Sede Amm.va
  A.N.G.A. Lombardia
  CAF Confagricoltura
  Associazione Pioppocoltori
 
PROGETTI
APPROFONDIMENTI
  PSR 2014/2020
  PSR 2007-2013
  Direttiva nitrati
  Energia da fonti rinnovabili
 
AREA DOCUMENTI
CONVENZIONI
LINK CONSIGLIATI
Espropri per pubblica utilità: necessarie garanzie per le aziende
13/05/2014

Confagricoltura Lombardia ribadisce la necessità, a fronte delle opere di pubblico interesse realizzate sul territorio regionale e del conseguente esproprio di terreni agricoli, che venga garantita alle imprese agricole coinvolte la certezza del pagamento delle indennità di esproprio, nonché delle modalità con cui tale procedure vengono attuate e dei tempi di definizione dei relativi procedimenti di esproprio.

Una necessità derivante dagli indubbi danni immediati e dalle ricadute negative che tali situazioni comportano per le aziende agricole alle quali, oltre al dovuto riconoscimento economico, deve essere offerta la possibilità di riprogrammare in tempi e modi adeguati la propria attività, a seguito della riduzione di superficie agricola subita.

Considerazioni che assumono particolare rilevanza in riferimento alla situazione di stallo che si sta verificando riguardo la TEEM – la Tangenziale Est Esterna di Milano.

“Al momento non si sa ancora come e quando saranno effettuati i pagamenti. Un clima di incertezza che per i piccoli imprenditori agricoli può avere effetti pesantissimi. Gli attraversamenti della TEEM vanno inoltre a colpire spesso anche i fabbricati, provocando un ulteriore aggravamento delle  diverse situazioni “ ha sottolineato Luigi Curti, direttore di Confagricoltura Milano Lodi Monza Brianza, a margine dell’incontro in merito promosso nei giorni scorsi dal capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale Claudio Pedrazzini.

“A dicembre avevamo ricevuto un documento, per la definizione di un protocollo d’intesa, elaborato dalla Regione, ma TEEM si è defilata. Siamo davvero stufi ed esasperati” prosegue Lugi Curti, che non esclude la possibilità di azioni dimostrative per portare all’attenzione delle competenti Istituzioni e dell’intera opinione pubblica la gravità della situazione.

“Comprendo le preoccupazioni dei nostri soci coinvolti e assicuro il pieno appoggio della Federazione regionale per ogni iniziativa che riterranno opportuno intraprendere per vedere riconosciuti i loro diritti” commenta il presidente di Confagricoltura Lombardia Matteo Lasagna “È però evidente-  aldilà di questa specifica situazione particolarmente incresciosa anche in virtù dell’atteggiamento della controparte - che occorra riflettere sulla necessità di trovare un giusto equilibrio tra le pur legittime esigenze della collettività riguardo la realizzazione di infrastrutture e quelle delle aziende agricole, che sono espressione di un comparto produttivo di grande rilevanza nell’assetto economico del nostro Paese e su cui si riversano sistematicamente le conseguenze negative di queste operazioni”.

 

Clicca qui per scaricare il comunicato stampa.

C.F. 80102910157 SEI IL VISITATORE NUMERO: 12248622 credits